Seguici su

Cronaca

Un’altra bici vola giù dai Murazzi: sfondato telone di un locale

Non c’è limite alla follia: un caso analogo a quello dello studente di medicina. Colpito il “Gianca”.

Avatar

Pubblicato

il

TORINO – Incredebile ma vero: a meno di un mese dallo studente di medicina quasi ucciso da una bici elettrica lanciata dai Murazzi, un secondo episodio analogo. L’altra sera qualcuno ha nuovamente lanciato un mezzo a noleggio dall’alto della muraglia del Lungo Po.

Per fortuna (si fa per dire), questa volta la bici non ha colpito persone. Il mezzo è infatti finito sul tendone esterno del bar “Gianca”, che è andato pressoché distrutto. Ben altre conseguenze avrebbe avuto l’assurdo gesto se la bici avesse centrato qualche avventore. In realtà, un dipendente del locale era poco distante dal punto di caduta.

Individuato il “lanciatore”

Questa volta però le indagini sono state molto rapide, tanto da identificare quasi subito l’autore del gesto. Si trattarebbe di un uomi di origine straniera che era stato allontanato poco prima dal locale in quanto ubriaco, e che avrebbe quindi in qualche modo voluto “vendicarsi” dei gestori. I quali probabilmente denunceranno l’uomo.

I responsabili del lancio del 21 gennaio sono invece stati individuati: si tratta di cinque giovanissimi, già fermati dai carabinieri.
Foto di Marco Buonafede da Facebook

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *