Seguici su

Cronaca

Sequestrato un quintale di carne impolverata e mal conservata: macellaio nei guai

Operazione della polizia locale di Torino, che ha anche chiuso una gastronomia etnica con ristorante abusivo.

Avatar

Pubblicato

il

TORINO – Un quintale di carne impolverata, congelata senza involucri e mal conservata è stata sequestrata dagli agenti della polizia locale di Torino nell’ambito di una serie di controlli a tutela della salute dei cittadini. Il macellaio è stato sanzionato e denunciato per vendita di alimenti in cattivo stato di conservazione.

Sangue animale sul pavimento

Quando gli agenti hanno ispezionato la rivendita, hanno trovato di tutto. Tranci di carne non coperti, esposti alla polvere e agli agenti esterni, in parte adagiati all’interno di congelatori senza involucri di protezione, a diretto contatto con il ghiaccio. Alimenti riposti sul banco di vendita senza etichettatura e posizionati in contenitori non idonei.

Sul pavimento del locale e nelle celle frigo, notata la presenza di macchie di sangue animale. E’ quanto accertato in una macelleria vicina al centro cittadino dagli agenti del Comando territoriale 7 della polizia locale. Un’operazione condotta assieme al personale del Servizio veterinario dell’Asl, durante un controllo ispettivo mirato alla tutela del consumatore.

LEGGI ANCHE: Riciclo “in famiglia” di frigoriferi ed elettrodomestici: denunciati padre e figlio

Denunciato il titolare

In totale, sono stati posti sotto sequestro 103 chilogrammi di carne mal conservata.

Il titolare del locale è un uomo di 56 anni: come accennato, è stato sanzionato e denunciato all’autorità giudiziaria per vendita di alimenti in cattivo stato di conservazione.

Chiusa una gastronomia etnica

Poco lontano, gli agenti dello stesso Comando territoriale hanno disposto la chiusura di una gastronomia etnica. Si trattava di un esercizio che effettuava la somministrazione di cibi ai tavoli in maniera abusiva, in assenza dei necessari titoli.

Foto d’archivio

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *