Seguici su

Attualità

La Pubblica assistenza Anpas celebra i 30 anni di attività

Appuntamento domenica al parco di Stupinigi con la Croce Giallo Azzurra di Torino. Sarà presentato anche il nuovo Gruppo giovani.

Avatar

Pubblicato

il

TORINO – La Pubblica assistenza Anpas Croce Giallo Azzurra Torino domenica 4 dicembre celebra i 30 anni di fondazione alla Fagianaia del parco di Stupinigi. Il programma della giornata, con inizio alle ore 10, prevede una presentazione dell’associazione, i saluti istituzionali e la consegna dei riconoscimenti ai volontari impegnati negli ultimi due anni nell’emergenza dovuta alla pandemia.

Nel corso della mattina verrà inoltre presentato il nuovo Gruppo giovani dell’Anpas torinese. Alle 12.30 sarà inaugurato il nuovo pulmino acquistato grazie al contributo di Fondazione Crt. Il pulmino è attrezzato con pedana mobile per il trasporto di persone disabili e verrà utilizzato anche per servizi di protezione civile. Nel pomeriggio, dopo il pranzo sociale, a partire dalle 14, si svolgeranno le dimostrazioni di soccorso e intrattenimento con giochi per i bambini.

«Un’occasione per ricordare i nostri valori fondanti»

«Ogni anniversario è sicuramente un traguardo – commenta il presidente Croce Giallo Azzurra Torino, Santo Bellantone – I trent’anni di attività della Croce Giallo Azzurra di Torino sono anche un’occasione per ripercorrere la storia dell’associazione e quanto è stato fatto a favore della collettività. Un momento per ribadire i valori in cui crediamo, solidarietà e aiuto verso chi si trova in difficoltà e guardare al futuro, alle sfide che ci attendono. Ringrazieremo i volontari e ricorderemo il caro Dino De Pasquale, fondatore dell’Associazione, che è venuto a mancare proprio quest’anno».

La Croce Giallo Azzurra Torino, aderente all’Anpas, grazie ai suoi 64 volontari, di cui 16 donne, svolge servizi di trasporto convenzionati con le Aziende sanitarie locali, servizi d’istituto, servizi di emergenza 118 e assistenza sanitaria a eventi e manifestazioni, oltre 2mila servizi annui.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *